Introduzione

Progetto CONCERT-EAUX

Motivazione:

Le risorse idriche sono uno degli elementi più minacciati dai cambiamenti climatici, che interferisce sul ciclo dell’acqua, influenzando il regime delle piogge, le modalità di deflusso superficiale, i parametri di evapo-traspirazione e le condizioni di alimentazione delle falde idriche. I periodi di siccità potrebbero essere più frequenti e di più lunga durata; nei territori alpini questo potrebbe generare la riduzione dei volumi delle acque sotterranee disponibili.

Per questo motivo è necessario prevedere degli scenari d’impatto dei cambiamenti climatici in queste zone ed identificare delle strategie di adattamento ad essi.

A questo scopo, gli attori territoriali della Valle Roya hanno firmato un Protocollo Transfrontaliero nel quale essi s’impegnano a cooperare per proteggere le risorse idriche, sia in termini di quantità sia di qualità, poiché esse sono utilizzate da più di 350.000 persone in Italia e in Francia.

Obiettivo:

L’obiettivo generale del progetto CONCERT-EAUX è quello di realizzare un osservatorio dell’impatto climatico nel bacino idrografico italo-francese del Fiume Roya, con particolare riguardo ai monitoraggi del ciclo delle acque di superficie e sotterranee. I cambiamenti climatici interferiscono su tale ciclo, influenzando il regime delle piogge, le modalità di deflusso superficiale, i parametri di evapotraspirazione, le condizioni di alimentazione delle falde idriche.

Il progetto si propone di partire da una maggiore conoscenza degli assetti climatici del bacino idrografico, per poi definirne gli scenari evolutivi. Ciò consentirà di adattare gli strumenti di pianificazione dell’uso del territorio e delle risorse naturali, con particolare riguardo alla definizione dei prevedibili minimi e massimi deflussi nei corsi d’acqua.

Attività, impatto e risultati:

L’attività di monitoraggio delle acque sotterranee e superficiali ha carattere transfrontaliero e prevede la modalità condivisa tra i partner di validazione, archiviazione e restituzione dei dati sulle acque e sul clima, con la creazione di un visualizzatore web-gis 3D. Questa attività prevede, inoltre la messa in rete e la manutenzione dei sensori meteo-climatici, idrologici e inerenti le acque sotterranee già installati, con l’aggiunta di nuova strumentazione, sia tradizionale che sperimentale per la misura dell'intero ciclo dell’acqua. Naturalmente la strumentazione resterà attiva anche dopo la fine del progetto, garantendo la continuità nel tempo di questo osservatorio franco-italiano, alpino e mediterraneo del territorio del Roia.

Oltre alla strumentazione che acquisisce in continuo sul territorio, sono programmati rilevamenti topografici, termografici e multispettrali realizzati mediante droni, per il monitoraggio sia della morfologia del territorio sia della vegetazione. Infine, sarà riordinata e digitalizzata la collezione botanica Bicknell costituita da circa 12.000 campioni raccolti all'inizio '900.

Il progetto prevede anche l’analisi dei dati, sia pregressi che di nuova acquisizione, al fine di caratterizzare il bacino e i principali fenomeni in atto lungo esso, come ad esempio erosioni della piana alluvionale, depauperamento della falda acquifera o intrusioni saline provenienti dal mare che potrebbero alterare la qualità delle risorse idriche.

Sono previste anche attività rivolte alla popolazione locale per sensibilizzare sui cambiamenti climatici e su un uso responsabile delle risorse idriche, oltre a campagne di informazione e divulgazione tecnico-scientifica sulle attività svolte nel territorio transfrontaliero fra Bendola e del Roya.

I principali risultati attesi sono la realizzazione di un osservatorio sui cambiamenti climatici, la valutazione delle conseguenze di diversi scenari di cambiamento climatico sulle risorse idriche sotterranee, sul trasporto dei materiali e sugli ecosistemi di una parte del bacino. Questi risultati potranno essere applicati nel quadro delle direttive europee per la gestione delle risorse idriche da un lato e le inondazioni dall’altra.

Budget a progetto:

 

Budget totale

Budget FESR

Contropartite

ITALIA

1.382.600,00 €

1.175.210,00 €

207.390,00 €

FRANCIA

 616.034,00 €

 510.431,67 €

105.602,33 €

TOTALE

1.998.634,00 €

1.685.641,67 €

312.992,33 €

Loghi partner

Le risorse idriche sono uno degli elementi più minacciati dai cambiamenti climatici

©2020 | All Rights Reserved | UNIGE - Università degli studi di Genova | Via Montallegro 1, 16149 Genova | Cod. Fisc. e P. IVA: IT00754150100

Search