WP 3 - Gestione e creazione Dati

WP 3 – Gestione e creazione dati

Questo work package è articolato su due attività:
  • WP3.1 - Creazione di un portale transfrontaliero connesso a banche dati condivise
  • WP3.2 - Messa in rete di sensoristica esistente ed installazione di nuova sensoristica

3.1 Creazione di un portale transfrontaliero connesso a banche dati condivise
L’attività WP3.1 è articolata in tre sotto attività:
  • a - Definizione delle modalità di archiviazione ed autorizzazione alla restituzione dei dati a livello transfrontaliero sulle acque sotterranee e acque superficiali, sul clima e su tutti gli altri dati significativi e disponibili;
  • b - Creazione di visualizzatore web-gis 3D sia di acque sotterranee che superficiali e di ogni altro dato territoriale significativo, inteso anche quale strumento di gestione del Protocollo Transfrontaliero del Fiume Roia/Roya;
  • c - Riordino e digitalizzazione della collezione botanica Bicknell costituita da campioni di vegetali raccolti all'inizio '900 nel bacino del Roia.
Prodotto importante del progetto è la piattaforma cartografica via web (portale webGIS) del bacino idrografico per la visualizzazione in quasi tempo reale dei dati di monitoraggio meteoclimatico, delle acque superficiali e di falda nell’acquifero di fondovalle in maniera semplice ed intuitiva con particolare attenzione, dove possibile, al dato 3D, integrando i dati osservati con il modello digitale del terreno e la cartografia tecnica. La messa a disposizione dei dati di progetto permetterà di migliorare la comprensione e l’interpretazione dei risultati non soltanto da parte dei geologi, gli idrologi ed i meteorologi ma anche per i gestori del territorio.
Tale azione verrà condotta in continuità con gli strumenti di raccolta e pubblicazione dei dati geografici prodotti nei precedenti progetti transfrontalieri che hanno interessato il bacino del Roia/Roya (RiskNat e EUR-EAU-PA), garantendo la massima interoperabilità fra i vari soggetti interessati alla gestione delle acque sul bacino idrografico del fiume Roia/Roja. Il prodotto finale sarà dunque un innovativo sistema di rappresentazione e analisi del territorio, da fornire ai gestori del territorio del bacino del fiume Roia quale utile e concreto strumento di supporto alla definizione di strategie di adattamento ai cambiamenti climatici.
 
In particolare, si realizzare un focus sulla gestione dei dati relativi alle acque sotterranee, perfettamente integrato nel visualizzatore 3D ma costruito quale entità informatica autonoma, allo scopo di rendere operativa una piattaforma particolarmente dedicata alla gestione delle acque sotterranee. Tale focus è denominato “Observatoire des eaux de la Roya”.

Nell’ambito del progetto CONCERT-EAUX si intende procedere alla digitalizzazione dell’Erbario Bicknell, composto da migliaia di campioni vegetali essiccati corredati di schede informative sui luoghi e sulle date di raccolta, ed alla creazione di una banca dati georeferenziata, accessibile in modo semplice e rapido da parte di studiosi, ricercatori, studenti, appassionati. La pubblicazione di una monografia dedicata a tale attività permetterà inoltre di portare alla conoscenza la storia della formazione di una delle più importanti raccolte di essiccati della Liguria e della vicina Francia e sui metodi scientifici ed empirici adottati per la sua realizzazione. Ciò potrà consentire valutazioni sulle eventuali variazioni nella diffusione delle specie vegetali e consentire riflessioni su possibili cambiamenti climatici occorsi negli ultimi 100 anni e segnalati dall’evoluzione distributiva di tali specie.

Prodotti del WP3.1
  • Definizione delle modalità di archiviazione e scambio dati transfrontalieri
  • Osservatorio delle acque della falda del Roia
  • Digitalizzazione della collezione botanica storica Bicknell
  • Web GIS 3D
  • GeoDataBase in tempo reale

3.2 Messa in rete sensoristica esistente e di nuova installazione
L’attività WP3.2 è articolata in tre sotto attività:
  1. Messa in rete della sensoristica idrologica e di quella inerente le acque sotterranee già installata;
  2. Istallazione di nuova sensoristica tradizionale e sperimentale;
  3. Rilevamenti topografici, termografici e multispettrali realizzati mediante droni.
Al fine di garantire la completa interoperabilità e l’interscambio dei dati per una completa rappresentazione della situazione in essere nel bacino da mettere in relazione con gli scenari climatici evolutivi definiti nell’ambito del progetto, nonché per l’alimentazione del database del progetto (WP3.1), risulta necessaria la messa in rete della strumentazione installata per il monitoraggio delle acque sia sotterranee che superficiali, mediante data logger e apparecchiature di trasmissione dati idonee nel rispetto dei protocolli di trasmissione e acquisizione dati dei partner gestori dei dati.
Nuova sensoristica, dedicata sia alle acque sotterranee che a quelle superficiali ed ai parametri meteo-climatici, verrà installata nel bacino del Roia. Molti dei nuovi sensori saranno installati nel sito pilota del Vallone della Bendola e serviranno a caratterizzare i parametri meteoclimatici ed idrologici in questo sottobacino, particolarmente significativo per le valenze topografiche, geologiche ed ecologico-ambientali che lo caratterizzano. In questo sottobacino, trattato quale “sito pilota” di progetto, saranno installate numerose strumentazioni di misura dei parametri climatici, sia di tipo tradizionale che sperimentale. Sarà quindi condotto uno studio dettagliato sugli assetti microclimatici in quest’area alpina, estrapolabili almeno in parte sia al bacino idrografico principale, sia ad altre zone della catena montuosa.
La strumentazione di tipo sperimentale che verrà installata nel Vallone della Bendola consiste in:
  • - 5 Stazioni Permanenti GPS/GNSS a basso costo per la stima del ritardo troposferico zenitale (Tropospheric Zenith Total Delay - ZTD), che integrato con misure di Temperatura e Pressione al suolo sparse sul territorio rappresentato da un Modello Digitale del Terreno (DTM), e grazie ad una procedura innovativa ideata dal Laboratorio di Geomatica di UNIGE, permette di ottenere mappe spaziali del contenuto di vapore acqueo potenzialmente precipitabile (Precipitable Water Vapour – PWV) presente in atmosfera
  • Sensori di brevetto UNIGE, denominati SRS (Smart Rainfall System) per la misura della piovosità in tempo reale, misurando le variazioni di intensità della radiazione a microonde (SHF) emessa da satelliti televisivi collocati in orbita geostazionaria e ricevuta a terra dalle antenne paraboliche ordinariamente dedicate alla televisione satellitare (DVB-S). Sulla base dell’attenuazione riscontrata a terra viene effettuata in tempo reale una stima dell’intensità della precipitazione presente lungo la tratta antenna-satellite, entità esprimibile in millimetri all’ora (mm/h). Al fine di ottenere un'opportuna copertura del sottobacino della Bendola, si installeranno circa 12 sensori, in opportuni siti selezionati al fine di offrire la copertura più completa possibile. Le misure avverranno in tempo reale (p.es. ogni minuto) e i dati così ottenuti verranno trasmessi ed elaborati per produrre mappe spazio-temporale delle precipitazioni.
Quale valore aggiunto, verrà installata una Stazione Permanente GPS/GNSS geodetica, ossia di elevata precisione, nel bacino del Roia, ed integrata nella rete regionale ligure di posizionamento per il tempo reale, permettendo a Regione Liguria di offrire il Servizio di posizionamento GNSS in tempo reale anche ai tecnici operanti nel bacino del Roia e nei territori limitrofi, di grande utilità e di supporto alle attività di monitoraggio e rilievo topografico del territorio.
Per condurre al meglio gli studi e le analisi previste nel quadro delle attività di progetto, ci si avvarrà anche di droni particolarmente performanti, attrezzati con sensori speciali. Il trattamento dei dati rilevati mediante i droni consentirà di disporre di cartografie tematiche e basi topografiche di grande dettaglio, che viceversa non sarebbero stati disponibili per ragioni tecniche e/o per i costi proibitivi che ne avrebbe comportato la produzione con mezzi diversi.
Nel suo complesso il progetto si caratterizza quindi per una notevole innovatività.

Prodotti del WP3.2
  • Installazione di sensori di monitoraggio complementari delle acque sotterranee
  • Cartografia tematica realizzata mediante droni
  • Servizio di posizionamento GNSS in tempo reale
  • Mappe spazio-temporali di precipitazioni da rete SRS
  • Installazione stazioni meteo
  • Installazione di ricevitori GPS/GNSS a basso costo
  • Installazione di rete di sensori SRS (Smart Rainfall System)
  • Installazione di idrometro ottico sperimentale
  • Messa in rete di sensoristica già esistente
Loghi partner

Le risorse idriche sono uno degli elementi più minacciati dai cambiamenti climatici

©2020 | All Rights Reserved | UNIGE - Università degli studi di Genova | Via Montallegro 1, 16149 Genova | Cod. Fisc. e P. IVA: IT00754150100

Search